Forum

chiarimenti normativa x  

 

Francesco Ceresia
Registrato: 9 mesi fa
Post: 1
22/02/2019 8:01 am  

bfd gregre grge rgergergerg erg er


RispondiQuota
Federica Rodi
Registrato: 9 mesi fa
Post: 1
15/03/2019 11:54 am  

Buongiorno,

sottopongo la seguente questione, certa di un chiarimento.

L'amministrazione ha stipulato un contratto di appalto per una fornitura di apparecchiature complesse, con la realizzazione anche di lavori edili strumentali per la fornitura. L'appalto prevede un unico pagamento a conclusione della fornitura (240 giorni dalla stipula). L'Amministrazione, nel corso di esecuzione dell'appalto, ha avuto esigenza di procedere con una variante e pertanto ha sottoscritto con l'Appaltatore un atto di sottomissione. Al momento della sottoscrizione dell'atto di sottomissione, l'Appaltatore ha presentato, in questa sede, delle riserve.

La presentazione delle riserve, al momento della sottoscrizione dell’atto di sottomissione, viene giustificato dalla ditta dalla circostanza che, fino al pagamento del saldo, non sarebbe intervenuta altra possibilità, mancando altri momenti di presentazione di documenti contabili.

Naturalmente, si ritiene che la presentazione delle riserve è finalizzato ad addivenire ad un accordo bonario. La domanda che pongo è  se l’Amministrazione debba contestare adesso il contenuto delle riserve (cioè subito dopo averle acquisite) o se sia più conveniente attendere l’attivazione dell’accordo bonario per contestare tali riserve nel dettaglio, anche per una strategia “processuale”, cioè evitare di palesare immediatamente la posizione dell’Amministrazione.

Grazie mille

Federica


RispondiQuota
Alessandro Quarta
Registrato: 9 mesi fa
Post: 6
20/03/2019 1:09 pm  

Cara Federica, 

ritengo che le riserve vadano contestate immediatamente e comunque non oltre trenta giorni dalla presentazione delle stesse. Ciò in ossequio al principio del rispetto dei tempi del procedimento amministrativo.


RispondiQuota